FUTON TORINO PRODUTTORI MATERASSI FUTON
Err

Roberto Marrocchesi (Torino, 1951), laureato in Farmacia, naturopata e nutrizionista, è consulente e insegnante di macrobiotica e di Feng shui
(geomanzia cinese)

dal 1979. Ha studiato negli USA e in Giappone e opera in svariati centri culturali e scuole italiane ed europee.

fengshuitherapy@gmail.com
3485525807

Il dottor Marocchesi e' disponibile in tutta Italia per corsi, conferenze e consulenze personalizzate




LEZIONI MARROCCHESI 
1 - ALIMENTAZIONE VEGETALE INTEGRALE Il corso di soli 4 giorni in 2 annicomprende: Premessa sulle basi della metafisica Orientale,
criteri: Legge di Polarità Yin/yang, applicabile in ogni dominio della Vita compreso l'essere umano nei suoi aspetti fisoco mentale e spirituale,
e così ogni altro fenomeno visibile ed invisibile, compresi tempo e Spazio. 
Legge dei 5 Elementi - supporto indispensabile alla prima Legge e suo completamento, serve a visualizzare ogni fenomeno nel tempo come
non, come CICLICO  o spiraliforme nel suo avanzare. ai 5 El. si correlano moltissimi attributi come colori, forme, sapori, organi e visceri, emozioni
umane, cibi d'ogni specie, fasi temporali cicliche del giorno, mese, anno o di lunghi periodi, persino Ere. Strumento praticissimo per definire
unificandoli sotto 5 simboli, moltissimi aspetti della vita, utilizzata soprattutto in Medicina Cinese. 

Diagnosi Orientale o Fisiognomica. Limitatamente qui sul solo Volto umano e suoi segni, questa diagnosi non è strettamente medica
ma pure caratteriale, spingendosi a vedere emozioni, pensieri e persino il "destino" della persona, oltre ad una certa qual lettura dei suoi difetti fisici. 
Medicina Orientale, principi e soprattutto alcune applicazioni per quanto concerne la Dietetica ritenuta causa ma anche cura alla portata
dell'esperto come del laico, fondamentale ed applicabile soprattutto se in virtù di una cucina attenta, bilanciate e decisamente Alchemica
in senso Cinese di cibi spezie bevande e condimenti. La dietetica corretta è basata sul vegetale/integrale per cui Cereali, Verdure, Legumi
e proteine vegetali, frutti, alghe, semi ed oleaginose, tè tisane e condimenti naturali sono utilizzati in modo attento con una varietà di preparazioni
e metodi di cottura anche poco noti al pubblico italiano. 
Cenni di lavoro sul corpo: esercizi, ginnastiche mediche cinesi, Shiatsu dei meridiani e principali punti. movimento quotidiano. Indfine, diagnos
i psicologica di alcune sindromi insolite e loro correlazione con abitudini dietetiche erronee. 

2 - FENGSHUI THERAPY uno studio abbreviato in 4-6 giorni comprende la materia dell'interazione, anche patologica su diversi piani del
corpo-mente, fra ambiente casalingo, lavorativo o esterno e persone che ne usufruiscono. Vi sono diverse scuole e metodi, sempre però
basati sugli eterni capisaldi Orientali di Yin/yang e 5 Elementi, per diagnosticare l'ambiente anche con calcoli non immediatamente comprensibili
al grande pubblico ma alla portata dell'esperto.
Inoltre, lo studio iniziale della "astrologia" (termine improprio) fondata sul Libro dei Mutamenti, Yi JIng o I Ching, detta Ki delle 9 Stelle. 
Segue brevemente l'altro grande strumento di valutazione Umanna, il sistema BaZi o 4 Pilastri del Destino, in cui dalla data esatta di nascita
con ora giorno mese anno e luogo di nascita (i 4 Pilastri appunto) si determinerà il "destino" scelto dalla persona che dovrà fare i conti con certe
tipologie di realtà quasi uniche grazie al suo tempo Natale, cercando poi incontrandole in varie forme di riequilibrare, trarre fortuna o anche
venirne forse spazzato via...

Il tutto è corredato di ampi esempi ed esercitazioni, lo studente viene inoltre invitato a praticare di sua propria iniziativa

nella vita quotidiana. 

CIBO EMOZIONI MEDICINA

 

 La nostra cultura Occidentale considerava Cibo, Emozioni e Medicina come aspetti completamente separati e nel corso del tempo ha
sviluppato teorie e indirizzi diversi per ciascun settore, per altro con risultati eccellenti ma mai completamente esaustivi.

Nella vera tradizione, quella popolare legata alla terra e ai suoi cicli, l’uomo sapeva benissimo a livello intuitivo che un po’ di grasso e la 
lunga cottura, scaldavano la pancia e davano energia sufficiente per sopravvivere all’inverno senza i lussi moderni, così come curavano i mal
di pancia dei neonati, non certo d’indigestione quanto di adattamento alla vita fuori dal grembo materno, con alcuni semi di finocchio. La prima
medicina poi, in assoluto, è stata ed è una minestra calda.
La Medicina tradizionale Cinese, l’Ayurveda e altre scuole antiche, e onorate nel tempo hanno sempre avuto un riferimento puntuale e importante,  
dedicato alladietetica come medicina, ove sono ampiamente descritte le correlazioni tra organi, emozioni e medicina.

Oggi del resto possiamo confrontare questo nostro patrimonio con le altrettanto antiche e sagge tradizioni Orientali e finalmente assaporare una
vera integrazione di culture, realizzando una sintesi proficua e salutare per entrambi gli emisferi, cerebrali e terrestri.

Di fatto la cucina, dopo conoscenza seria e approfondita, diventa un gesto quotidiano, ed ha più potere energetico, emotivo ma anche culturale
e persino politico di tante parole. Da sempre e ovunque, le donne tradizionali uscivano e nella terra trovavano cibo, ma allora chi ha inventato le
guerre e perché? Possiamo affermare che la cucina salverà il mondo? Dopo una saggia distribuzione delle risorse, probabilmente si! In un piatto
si sposano culture e tradizioni diverse, sapori e ingredienti meravigliosi che danno la Vita e un’infinita varietà creativa oltre che salutare.

L’umanità oggi, grazie agli insegnamenti tramandati da Maestri che nei secoli hanno indagato l’animo umano e sperimentate tecniche per superare
la sofferenza, può conoscere e integrare i vari aspetti, non considerando solo il piano fisico, ma anche il livello emotivo e spirituale, per cui possiamo
a ragion veduta parlare di cibo ma anche di MEDICINA PSICHICA, quest’ultima in primis, poiché la Spiritualità è la prima e più importante Medicina.

Il problema dell’alimentazione è di vastità mondiale e riguarda, ben oltre le personali esigenze e disquisizioni tipo onnivori o vegetariani, crudisti o 
fruttariani, macrobiotici o vegani, una più EQUA DISTRIBUZIONE delle risorse terrestri, se davvero abbiamo a cuore non tanto la nostra salute quanto
la SOPRAVVIVENZA della specie umana e della Terra.

Dovremmo davvero guardarci in faccia e RISTABILIRE i giusti valori e le reali necessità, poiché i governi di tutto il mondo sono impegnati nel finanziare
armamenti e multinazionali, svincolandosi completamente da bisogni non reali ma indotti da false pubblicità e sostanze/pensieri tossici.

Occorre proteggerci da inquinamenti fisici e mentali, OGM, manipolazioni climatiche, guerre chimiche e biologiche, disgregazione dell’organizzazione
sociale, della famiglia e del DNA, ripristinare il giusto equilibrio tra conoscenze antiche e reali bisogni odierni.

Se esaminiamo il CIBO nella storia, così come la storia di tutto il mondo, vediamo che l’umanità ha sempre tratto nutrimento e sostentamento dal
contatto diretto e rispettoso con la terra, ingegnandosi poi a sviluppare tecniche di CONSERVAZIONE E TRASFORMAZIONE degli alimenti.

Da sempre e ovunque la base dell’alimentazione è stata cereale e verdure con proteine anche animali. In ogni tradizione si è poi sviluppata la
tecnica della FERMENTAZIONE, dal vino alla birra alla pasta madre, e dell’essiccazione, dai merluzzi/baccalà del nord Europa alle alghe del Giappone.
L’uomo è riuscito ad arricchire la sua alimentazione sfruttando questi tre principi: trasformazione, fermentazione, essicazione. Sempre però ha agito
in prima persona, usando l’ingegno e utilizzando i QUATTRO SACRI ELEMENTI: terra fuoco aria acqua.

In questo processo, non c’erano multinazionali, né industrie farmaceutiche. I problemi sono sorti quando, nate le industrie, è iniziato, graduale ma
inesorabile, il distacco dalla terra. L’illuminismo in realtà non ci ha poi tanto illuminato.

E’ sulla considerazione di tutto questo, oltre che sulla diffusione d’insegnamenti ormai codificati, che si basano i nostri ITINERARI FORMATIVI DI
SALUTE E BEN-ESSERE.

Poichè non amo definirmi astrologo, quest'anno anzichè lanciarmi in ardite predizioni su politica, economia, amori e guerre varie, del tutto improprio
data la diversa ed unica situazione di ciascuno fra tutti noi, sia come individui che come aziende, famiglie o nazioni, preferisco dare quest'anno delle
dritte "classiche” che potrete applicare per voi stessi, tanto negli spostamenti che intorno a casa vostra: sarà molto più utile e non si rischia il ridicolo
cui molti sedicenti astrologi si sottopongono, per la gioia di quegli incompetenti dei debunkers.

Il 2018 è l'anno del Cane Giallo (WuXu ovvero Cane di Terra Yang in astrologia cinese). Il cane è uno dei 12 segni dello zodiaco cinese, non
letteralmente l'animale ma il suo simbolo o Archetipo. Ogni segno è legato a specifici anni ma anche alle posizioni e direzioni specifiche sulla bussola
cinese Luo Pan. come possiamo determinare i settori positivi e non di ogni anno, ci sono poi calcoli aggiuntivi per determinare più settori.

Un settore impegnativo può influire negativamente se disturbato. Ciò può essere fatto in diversi modi:

se la tua porta principale o camera da letto si trova in esso

Se restauri la tua casa in queste aree

Se ci sono lavori di costruzione o scavo nel vicinato in queste direzioni – eh si, anche fuori dalla tua proprietà, ma a vista...


Come ogni anno, il Qi dell'anno porta diversi settori e direzioni che vanno meglio lasciati indisturbati, mentre altri possono essere molto vantaggiosi:
le afflizioni annuali sono come sempre, 4 su 8 direzioni.

Le afflizioni annuali sono in dettaglio:

il Tai Sui o Granduca carico di energia Gioviana;

il Sui Po o rompiscatole dell'anno;

il San Sha o tre uccisioni

il Wu Wang o 5 giallo, la stella volante annuale.

Le Forme ovvero monti, fiumi, altri edifici e loro orientamenti tutto intorno a noi per 360° ci influenzano, e con l'accoppiata col tempo
(anno, mese, giorno, ora o anche ventennio cinese) ci fanno dànno, oopure fortuna. Provare per credere, ma facendo accurati calcoli
o misurazioni sul posto, mediante un esperto SiFu (私服= uomo "illuminato di Sapienza"). Siamo attualmente nel Ventennio n 8 fino al
04/02/ 2024. Nel periodo 9 che seguirà, diverse direzioni diventeranno di buon auspicio. Dunque ogni anno poi porta un Qi specifico e
determina i settori e le direzioni buone e cattive per il Feng Shui di quell'anno .

Gran Duca Giove o Tai Sui. Dove Giove "siede" riguardo all'asse terrestre per un dato anno è la posizione del segno zodiacale associato e
la posizione dell'energia dell'anno, dato che l'anno Gioviano dura 12 anni terrestri. Giove è considerato negativo perchè carico di energia terra
5 che è la più pericolosa.


Il segno del Cane e suo Chi rimarrà con noi per 12 mesi, mentre la metafisica cinese usa un calendario che tiene conto del tempo solare.
Questo nuovo anno cinese inizia il 4 febbraio 2018, un inizio molto più sensato del moderno 1 gennaio per precisi motivi celesti.

Ogni aspetto dell'anno occupa una posizione precisa nello spazio, ciò che conta è l'animale dello zodiaco cinese per l'anno e dove vive abitualmente.
Sulla bussola cinese, il segno del cane si trova per 15° esatti a ovest -nord-ovest da 292 ° - 307 ° sulla bussola). Ciò significa è che il ONO è
dove l'energia di questo specifico anno "risiede" nel 2018. Questo settore riceve il più forte Qi nel 2018.

Tai Sui: la posizione del Granduca Giove nel 2018. Esso è quindi il settore e la direzione sotto il Tai Sui, o afflizione del Granduca Giove.
Fondamentalmente significa che dovrebbe essere lasciato indisturbato per tutto l'anno, poiché la sua energia è troppo forte.


Sui Po l'Interruzione (il Rompiscatole)

Questo occupa il settore che è direttamente opposto all'energia / posizione del segno dell'anno. Se il Cane dell'anno è nel Nord-Ovest ,
il settore opposto da pure lasciar stare è Est- Sud-Est ovvero da 112° -a 127°.


Il segno del Drago occupa questo luogo e quindi anche il motivo per cui i nati sotto questo segno annuale (1952, 64, 76, 88, 2000 ecc.
devono essere cauti nel 2018.

Questa posizione opposta è conosciuta come Sui Po o "Anno interrotto" 在宝(= Colui che fa il Prezioso). Il Drago occupa Est- Sud-Est .


Il San Sha o Tre Delitti (non esageriamo a preoccuparci però!) quest'anno cade nel NORD esatto (la spiegazione è complessa, la lascio
fuori per ora, accontantiamoci del risultato: attenti al Nord!


Wu Wang: la 5 stella volante gialla nel 2018


Qui ci vuole famigliarità

5 stella volante 2018


La stella Wu Wang 绝望 o "lasciate ogni speranza..." 5 si è spostata al nord nel 2018.


Questa direzione vale soprattutto per gli spostamenti: attenti ai viaggi verso Nord da dove state, e intendo grossomodo tra 340° e + 20°
quest'anno, specie nel mese di luglio. Ovvio che quest'anno almeno, ciò interseca coi Tre delitti, per cui, doppia attenzione al nord ed agli
spostamenti su detti.

Anche qui, raccomando prudenza ma soprattutto attenzione o consapevolezza, provate averificare se, nelle varie occorrenze per tutti nell'anno,
ci fossero più significative scalogne o incidenti per chi viaggia in quella direzione. Un interessante studio statistico che non esiste, ma che ci farebbe
capire che il Caso ben lungi dall'essere bendato, segue una sua logica.


La stella volante Wang n 8 che aumenta la ricchezza e il denaro ma pure la salute vola nel settore sud-orientale quest'anno, ma poiché il sud-est è
pure influenzato dall'afflizione del Sui Po (l'interruttore annuale), è difficile utilizzarlo e attivarlo per la ricchezza. Questo secondo me sarà poco utile
quest'anno, ma ci sta che, sempre a Luglio, qualcosa di buono lo possa portare. Metafora di tempi duri per il portafoglio? girate le vostre lamentazioni
ai sig. Prodi o Draghi please.


Cari amici e pazienti lettori, vi inviterei a prendere gioiosamente ma sul serio tutta questa mia tirata. Voglio sperare che, nel vero spirito di "non credo"
da S. Tommaso in poi, usiate i miei dati per verificare e trarre poi le conclusioni, e non certo per indurvi a nuove paure e paranoie che già tante ce ne
stanno. Gli antichi cinesi avevano una capacità sintetica di logica e di obbedienza alle Leggi universali del Cielo e della Terra che faremmo bene a riscoprire
ed onorare. Questo è il vero senso delle mie "predizioni" . Buon anno del cagnolino, di solito tempo di maggiore rivendicazione di giustizia sociale, che se
non siamo troppo ansiosi (altro tratto molto canino direi) potrebbe portare qualcosa agli esausti portafogli. Magari alla prossima puntata dirò altro sulla
natura terra yang, e sulla Stella 9 di Fuoco che governa l'anno, ma li è una storia diversa.


Copyright R Marrocchesi – www.associazioneoikos.it

I FUNGHI, UN MONDO DA SCOPRIRE

In terapia ed alimentazione curativa

Di ROBERTO MARROCCHESI

 

L'espressione " mico terapia " è stata introdotta in Germania attraverso il noto micologo Prof. Jan Lelley. La Myco terapia osiamo affermare è un trattamento curativo con funghi che previene e cura le malattie.

I Funghi per il benessere degli esseri umani hanno una lunga tradizione. Gli studi hanno soprattutto confermato l'effetto immunostimolante e gli effetti metabolici. In letteratura sono stati descritti un certo numero di azioni sulla salute. Alcuni funghi possono anche aiutare contro le allergie, le malattie cardiovascolari, problemi digestivi, sovrappeso, dolori articolari, ansia e altri problemi di salute.

I funghi contengono una serie di sostanze bioattive, minerali, oligoelementi, vitamine e altre proteine ​​vitali in forma compatta che contribuiscono a ripristinare la salute.

Gli effetti sulla salute di gustosi funghi sono causati dalla  loro notevole composizione di sostanze nutritive. I funghi sono  in grado di immagazzinare grandi quantità di acqua, sali minerali e oligoelementi, e contengono, oltre ai numerosi minerali e vitamine, un gran numero di fibre e tutti (!) gli Aminoacidi essenziali.
Va sottolineato che tra tutte queste sostanze nutritive nei funghi c'è una biodisponibilità pronunciata. Il basso contenuto calorico è un altro vantaggio, mentre il contenuto nutriente è simile o migliore di quello delle verdure.

I funghi sono quindi un alimento molto particolare e prezioso.

Perché i funghi preziosi?
I funghi sono bombe reali vitaminiche

Le vitamine sono assolutamente essenziali per l'organismo. Come il corpo da solo non può produrre più vitamine in quantità sufficienti, questi devono essere fornite attraverso l'assunzione di cibo. Tra questi sono le vitamine liposolubili retinolo (A), calciferolo (D), tocoferolo (E) e la vitamina K, così come pure la tiamina e vitamine idrosolubili (gruppoB), riboflavina (B2), niacina, piridossina (B6), cyancobalamine (B12), acido folico, acido pantotenico, biotina (H) e l'acido ascorbico (C). In champignons e lievito secco ci sono ad esempio grandi quantità di riboflavina, niacina e acido pantotenico. Negli ortaggi queste sostanze sono molto raramente contenute in numero sufficiente.

 

I Funghi forniscono il nostro organismo con sali minerali e oligoelementi particolari.

Come accennato in precedenza, i funghi possono assorbire grandi quantità d’importanti minerali e oligoelementi. Durante la maturazione, tuttavia, il fungo assorbe anche sostanze esistenti nelle sue vicinanze o nell'aria circostante. I funghi sono quindi utilizzati con successo per ripristinare l'equilibrio ecologico nel suolo da pascolo d’allevamento, ad esempio, azzerando di metalli pesanti. In questo contesto l'importanza della coltivazione biologica controllata di funghi Va sottolineata, perché con le loro notevolissime proprietà chelanti sarebbero un pericolo per chi li consuma, se solo fossero lasciati crescere su di un terreno anche non sospetto, ma con presenza di inquinanti pericolosi come i metalli pesanti.


Soprattutto, i funghi contengono potassio, fosforo, magnesio e piccole quantità di calcio. Ferro (Fe) e oligoelementi manganese (Mn), zinco (Zn), selenio (Se), cromato (Cr), rame (Cu), molibdeno (Mo) e boro (B) sono disponibili, anche. È stato confermato anche con l’accumulo di alcuni tipi di germanio una attività farmacologica dei funghi. Il Germanio può essere nutriente ma pure dannoso per gli esseri umani. Un composto di germanio specifico, il Ge-123 presente in certi funghi ha dimostrato di avere un effetto anti-tumorale distinto.
I funghi contengono fibre sane e polisaccaridi immuno-modulanti.

Le fibre sono composti ad alto peso molecolare che non si sciolgono vengono assorbite dal corpo umano, ma sono tuttavia essenziali per la salute intestinale. Le fibre dei macro-miceti agiscono come spugne che leganti le tossine nell'organismo umano. Avendo la capacità di legare l'acqua, le fibre fanno sì che la peristalsi con risultante evacuazione viene accelerata. Di conseguenza, la quantità di residui nocivi e tossine a livello intestinale è diminuita e il rischio di cancro intestinale ridotto di molto.

Alcuni composti organici preziosi sono poi tra i polisaccaridi come ad esempio i ß-glucani che hanno mostrato effetti immunomodulanti e antitumorali.
I funghi contengono poi proteine in dose abbastanza ​​importante.

I Funghi commestibili hanno un alto contenuto di proteine​​. Le proteine ​​sono molecole complesse costituite da aminoacidi. Ci sono dieci amminoacidi essenziali, in altre parole aminoacidi essenziali che l'organismo non è in grado di produrre da sé e quindi devono essere ingeriti attraverso il cibo. Quasi tutti i funghi contengono aminoacidi essenziali che l'organismo utilizza per costruire le proprie proteine ​​che sostengono diversi risultati per l'organismo.

Molte persone credono che gli esseri umani non possono assorbire proteine ​​dai funghi. Questo è anche il caso in circa 1% della popolazione, ma sono persone che hanno problemi digestivi. Tuttavia, per la maggior parte degli individui il fungo commestibile è una preziosa fonte di nutrizione proteica e d’altro ancora.

 

Perché i funghi possono curare?

Ci sono molte ragioni per questo. Infatti è stato dimostrato che i funghi riescono a stimolare, migliorare e regolare il nostro sistema immunitario. Un sistema immunitario ben funzionante è la chiave per la salute dal momento che ogni giorno siamo esposti a molti agenti causali di malattie e tossine ambientali. Il nostro sistema immunitario vede la situazione reale di difese del corpo e si comporta di conseguenza. Questa dote però tende a decadere in fretta dopo i 50 anni, oppure anche in altri momenti della vita a causa di stress fisici o emotivi, stanchezza, malattie debilitanti, ferite, e pure per uso di molti farmaci come antibiotici, vaccini, cortisonici ed altro ancora, nonché per una dieta carente o inappropriata al soggetto .

Il danno poi causato da microrganismi, tossine ambientali, radiazioni Ultra Violette, ozono, diossina e altre sostanze tossiche ambientali è purtroppo in aumento e il rischio di cancro è così aumentato. Le Radiazioni UV ad esempio danneggiano le cellule della nostra pelle. Danni di radiazione la integrità del DNA. Quando il meccanismo di ripristino cellulare del corpo alla fine è compromesso, le cellule tumorali aumentano e nel peggiore dei casi posson trasformarsi in un tumore maligno della pelle (melanoma maligno).

I Funghi terapeutici possono stimolare e regolare il sistema immunitario, il che fornisce molte possibilità ulteriori di trattamento. Inoltre, i funghi contengono un gran numero di enzimi essenziali che influenzano positivamente il metabolismo. Ci forniscono una buona flora intestinale che stimola la digestione e la disintossicazione corporea, eliminando tossine in formazione negli intestini provenienti da svariati disturbi metabolici. Solo quando le nostre funzioni di difesa rimangono sane ciò può avvenire. E’poi notevole il fatto che l’80% delle cellule del nostro sistema immunitario vive nel tratto gastro-intestinale. Qui si trova l'organo bersaglio primario nel corpo per attaccare i batteri e i patogeni. E 'solo quando la nostra difesa funziona che rimaniamo sani. I batteri intestinali del corpo poi giocano un ruolo importante. E 'solo di recente che la medicina universitaria ha iniziato ad assumere un interesse per il ruolo dei batteri intestinali in qualità di intermediario di immunità, nonostante il fatto che questo è  noto da quasi 100 anni. Nell’ambito della naturopatia, l'attenzione per la salute intestinale è sempre stata della massima importanza. I Funghi possono migliorare la flora intestinale, aumentar la digestione, disintossicare e mantenere un equilibrio naturale di microrganismi nell'intestino.

I funghi contengono composti secondari che aumentano la produzione di cellule immunitarie, come i linfociti T, cellule NK ( Natural killer) e macrofagi e inoltre inducono i messaggeri del sistema immunitario come ad esempio stimolare l'interferone e l’interleuchina.

Di seguito si può dire conclusivamente: I funghi sono i TUTTOFARE biologici sul nostro pianeta. Fanno parte degli organismi più antichi a tutto tondo. Ci sono migliaia di diversi funghi di che alcuni sono in buona salute per gli esseri umani. I pochi che sono commestibili, offrono un intero spettro di sostanze salutari. Tuttavia, anche i funghi commestibili possono essere infettati da muffa che produce tossine. Pertanto, è importante quando si acquistano funghi, il verificare che essi sia-

no prodotti testati di qualità biologica.

 

Tratto dal libro I FUNGHI CHE CURANO ED. Sì  2013 DI R. MARROCCHESI


INTERVISTA SULLE ALGHE CON ROBERTO MARROCCHESI

- Contaminazione delle alghe: Fukushima per quelle giapponesi, inquinamento elevatissimo dei mari, problemi delle alghe coltivate (se ce ne sono), inquinamento delle acque dolci, residui di metalli pesanti, ecc. Quanto è reale il problema e come uscirne? Se è reale, come procurarsi prodotti sani e sicuri?

Sono documentato da tempo ma il problema è a monte: in Italia c’è un pregiudizio unilaterale sulle alghe e un altro sul Giappone, molto netti. Andiamo con ordine: 1) il mare è inquinato? La terra lo è pure, anzi peggio poiché il primo si auto-depura (col sole che ossida o ionizza e scalda, col sale che neutralizza acidi, e specie col movimento che mescola, attiva, sposta e diluisce MOLTO  più in fretta che non l’immobile terra che quando è inquinata lo resta per secoli) la fanno pure i fiumi questo auto depurazione e a maggior ragione, il mare. Ovvio che Fukushima è un caso gravissimo, irrisolto e di gravità mai vista, ma vi dirò, se la vita marina scompare, quella terrestre avrà vita brevissima, smettiamo dunque l’ideologia perdente che pensa al Mare = cloaca del mondo, tenendoci giusto  la terra ( e magari le piscine al cloro per farci un bagno…”) per definizione, a parte la recente moda sushi, ciò che è Giapponese è incompreso o deriso, dagli inchini alle bacchette per mangiare: gli Italiani non comprano più alimenti giapponesi d’ogni tipo mentre sono i primi consumatori al mondo di Funghi secchi Ukraini prodotti ed esportati senza controlli come pure il grano, provenienti dalla regione intorno a Chernobyl. Un poco di coerenza per favore, vogliamo far esercitare i controlli da tutte la parti? Inoltre, tutti i bevitori di caffè, i mangiatori di banane o di cacao che levano gli scudi nazionalisti per del miso o umeboshi dall’Oriente sanno cosa sia la coerenza e soprattutto la qualità del cibo, specie quella medicinale? Forse che coltivano caffè in giardino e raccolgono banane al parco pubblico? Si rendono conto del doppio standard che usano? Quindi, occorre che il nostro lavoro sia per prima cosa quello di corretta informazione  nei confronti di un pubblico così disinformato e pieno di concetti errati.

Sulla contaminazione nucleare ci si può basare sulle molte ricerche e studi internazionali fatti su alghe e pesci dopo Fukushima, e scopriremo che nella sola ristrettissima zona presso la centrale distrutta non si vive, coltiva o pesca, mentre tutto il resto della provincia e ovviamente l’intero Giappone svolge le stesse attività e colture di sempre. Nella provincia i controlli sui tassi radioattivi sono strettissimi e quotidiani, la gente non è fuggita lontano e i tassi di tumori, malformazioni o altro a 8 anni dalla sciagura sono i soliti di questo secolo. Ovvio che i prodotti alimentari alghe comprese sono testati a più riprese sul mercato e la stessa cosa può avvenire quando ci giungono le esportazioni. Va detto che l’industria del naturale da 8 anni importa alghe quasi solo Europee, Americane e Cino-Coreane proprio per l’avversione del pubblico naturista ai prodotti Giapponesi dallo Tsunami in poi. Secondo opinione diffusa in Giappone oggi i pericoli radioattivi sono ora gli stessi che nel resto del mondo, e non certo per problemi con le alghe. Ho riportato uno degli studi più autorevoli nella piccola bibliografia che fornisco con l’articolo.

Va ricordato che le alghe vivono bene in mari non inquinati assorbendo acqua non salata grazie al meccanismo dell’ACIDO ALGINICO,  un polimero chelante che ha la proprietà importante  di essere fortemente gelificante. Questa molecola forma delle masse gelatinose in grado di assorbire metalli pesanti tra cui piombo, cadmio, mercurio ed altre sostanze tossiche, impedendone l’assorbimento da parte dell’organismo. Per questo viene impiegato come valido depurativo.

Nel 1964 ricercatori del Gastro-Intestinal Laboratory della McGill University di Montreal dimostrarono che gli alginati contenuti nelle alghe riducevano fino all’80% la quantità di stronzio assorbito dall’intestino.

 

Si osservò che l’alginato di sodio contenuto nelle alghe brune "agganciava” il composto radioattivo che veniva successivamente espulso dal corpo. In successivi esperimenti, compiuti negli anni ‘70, scienziati giapponesi verificarono che, introducendo alginato di sodio estratto da alghe brune in cavie assieme a calcio e stronzio, si constatava una riduzione dell’assorbimento dello stronzio a livello osseo fino all’80%, senza che ciò interferisse con quello del calcio.

Non esiste nessun altro gruppo di alimenti maggiormente protettivo nei confronti di elementi radioattivi e di altri contaminanti ambientali delle alghe brune. Esse possono prevenire l’assimilazione di diversi radionuclidi e metalli pesanti come cadmio, bario, zinco, mercurio ed altre pericolose sostanze presenti nell’ambiente.

L’uso di questo composto alginico in industria alimentare e cosmetica è assolutamente enorme! Essendo molto igroscopico (= gelifica grandi quantità d’acqua o liquidi) e non digeribile, crea gelatine utilissime che l’industria usa sia per prodotti dietetici e dimagranti (la massa idratata che forma riempie lo stomaco e dà un senso di sazietà a zero calorie)  che per gelatine, gel cosmetici e il famoso Gelato d’ogni tipo e gusto, artigianale o industriale, sorbetti e semifreddi compresi: ne consegue che gli schizzinosi che mai mangerebbero alghe di fatto le hanno mangiate e mangiano comunque, ogni giorno e tutta la vita in forma di gelatina di carne in scatola, maionese, crema di nocciole, budini, gelatine varie e soprattutto di deliziosi coni Tutti Frutti artigianali e rinfrescanti. Idem per moltissime creme per la pelle, di bellezza ma pure curative.

Ricordiamo infine che l’uso alimentare di alghe aiuta nella depurazione da Iodio 151, quello radioattivo presente nelle radiazioni ionizzanti, e che l’uso delle verdure di mare fu fortemente raccomandato qui in Italia al tempo dell’altra grave catastrofe nucleare a Chernobyl nel 1986 proprio per ovviare a tale problema. In quei giorni di fine Aprile tutte le alghe alimentari andarono a ruba nei negozi di cibi naturali, ma la cosa finì lì sull’ondata della paura, non son sicuro che molti italiani compresero come usarle...

Concludendo: l’uso di alghe marine è un SICURO  metodo per disinquinarci dai metalli pesanti, anche se non l’unico. I mari, tutti, sono inquinati come le terre, semmai meno grazie al loro potere di auto depurazione, specie gli oceani. Si vedano le analisi per confronto. Usiamo alghe oceaniche da Cina, Giappone, Korea, Cile, Canada, Stati Uniti, Francia, Irlanda, e non di solito da mari interni come il Mediterraneo (per diletto come vedete da foto, ne raccolgo e consumo in via sperimentale alcune qui in Toscana io stesso). E’ errato e anzi è vero il contrario, che le alghe siano inquinate più delle piante di terra! Esse poi son assai più auto-depuranti che non il pesce, quindi occorre informarsi prima di giudicare. Le alghe commerciali sono sempre controllate e analizzate, comprese le coltivate e tutti gli import, Giapponesi in particolare (oggi quasi sparite da noi per la nota vicenda). L’uso di alghe riguarda pure prodotti come il gelato di ogni tipo, e quindi già tutti lo usano senza farsi molte domande. Ovvio che la qualità e provenienza delle ditte europee a marchio BIO  note a tutti sono particolarmente di alta qualità e più affidabili, quale che sia la provenienza. Ritengo più sicuro in una dieta sensata consumare almeno 5-10g al giorno pro capite (salvo casi particolari vedi sotto) di alghe commestibili in vari tipi e modi, tra piatti di zuppe, legumi, con verdure, semi, insalate e pure dessert.

- Quali sono i tipi più usati di alghe alimentari e quali quelli di alghe usate a scopo terapeutico?

ALGHE BRUNE

le più ricche in iodio e più usate, circa 1500 specie. Ricche in clorofilla, caroteni e mucillagini (alginati) iodio e altro. KELP, KOMBU (laminaria Saccarina e altre Spp.) usata in alimentazione in infinite ricette e come stimolante tiroideo, preparati dimagranti, nei gelati ecc. Ha molti usi in farmacopea classica Giapponese, uso interno o esterno. Protegge dall’ulcera peptica e dal reflusso esofageo, ha azione anti-coagulante. E si è provata clinicamente efficace nell’azione anti-microbica (stafilococco, E. Coli) per sintesi naturale di certi antibiotici.

DURVILLEA ANTARCTICA forse la più potente depurativa sistemica da metalli pesanti ed effetti adattogeni sistemici.

CLOROFICEE – ALGHE VERDI

WAKAME /UNDARIA PINNATIFIDA

Grande consumo in cotture veloci o a crudo, fresca o secca, coltivata in tutto l’Oriente. Ama i mari freddi fino a 5°C, ricca in proteine, vitamine e minerali, ha meno iodio della kombu ma molto potassio e magnesio. Si usa in zuppe e molti piatti con verdure, anche insalate. Molto dimagrante grazie ai suoi carotenoidi, è poi molto anti-acido o alcalinizzante. Viene associata ad una ottima prevenzione dalla sindrome metabolica (ipertensione e diabete), se consumata quotidianamente su dosi almeno 5 g/die. L’uso di alga cruda non è tradizionale in Oriente, vien sempre cotta, magari poco, per ridurre il suo potere raffreddante, che è pure una virtù quando è disinfiammante.

HIJIKIA FUSIFORMIS /IZIKI

Dal sapore più forte, è stra-ricca in iodio e alginati. In cottura è detta rinforzare i capelli specie se servita con semi di sesamo e magari spezie e salsa di soia. Antiossidante e immuno-modulante, come ogni alga è pure dimagrante. Forte odore marino, conviene ammollarla e non usare acqua di ammollo per mitigarla un poco.

RODOFICEE/ALGHE ROSSE

NORI/PORPHYRA TENERA  e PALMARIA

Violacea e delicata, è ricca in carbonato di calcio, Proteine e minerali. Nota per gli involtini Norimaki e altri usi culinari cruda o cotta, è assai utile nelle patologie cutanee come eczemi e psoriasi. Esiste una Nori verde o Ulva Lactuca Maris, verde pallida e conosciuta pure in Sud Italia per farci frittelle saporite.

AGAR AGAR O GELIDIUM

Sciolta a caldo forma un gel trasparente del tutto non calorico ed insipido che fa eccellenti gelatine ipocaloriche e dimagranti che hanno pure l’effetto di promuovere effetti rinfrescanti al digerente con calo delle infiammazioni e blanda azione lassativa che non è mai aggressiva come quella di certe piante.

ARAME

Altra pianta marina utile per diete, ipertensione e disbiosi intestinale, ha sapore più dolce che piace a chi inizia ad usar le alghe. Tra i molti usi c’è pure una ottima azione a livello dietetico per prevenire le emorroidi e altri problemi vasali. Consigliata pure in tisana per problemi ginecologici.

Come si vede nella breve carrellata (sono tutte alghe reperibili normalmente in Italia) gli effetti nutrizionali e quelli medicinali sono comuni grosso modo a tutte mentre tutte sono inadatte ai soli ipertiroidei, perfino i bambini utilizzano Nori ed Arame o Kombu, e solo dosi superiori a quelle consigliate nel caso di kombu e Iziki ricche in iodio possono apportare leggeri disturbi di insonnia che scompaiono subito riducendo la dose.

DULSE

Alga rossa molto saporita e ricca in iodio e ferro, si usa un poco come wakame, in cotture brevi o pure cruda , molto popolare in Francia

FUCUS VESCICULOSUS

Da essa traggono le "fave di Fuca” usate come fluidificante viscerale e quindi dimagrante. Alga bruno/verdastra di sapore non eccellente, in Francia ci fanno il Pain Vert aux algues che hanno le panetterie di paese, nota pure per l’uso erboristico/medicinale da noi.

 

- al di là delle contaminazioni da fonti inquinanti, quali altre problematiche possono avere i vari tipi di alghe in riferimento al consumo umano? 

Non esistono alghe tossiche o velenose, di oltre 70.000 tipi conosciuti molte non sono commestibili per motivi organolettici, ma non sono mai dannose, a differenza di non poche piante terrestri che possono contenere forti veleni, senza parlar di certi funghi. 

Le alghe sono usate in consumo umano in forma completa, da quando la scuola macrobiotica, e poi pure vegetariana/vegan, le ha diffuse in piatti svariati e deliziosi e anche in forme "terapeutiche”.

Al contrario, l’industria chimica farmaceutica, cosmetica e alimentare generica usano da molto tempo alghe, in specie gli alginati, in forma raffinata e con lavorazioni chimiche di vario genere, da molti anni  su prodotti usati da tutti come gelati, gelatine e altro. Nessuna voce o dubbio sulla purezza e bontà del prodotto o sua lavorazione ho mai sentito, il che è perlomeno curioso.

Unica eccezione nel consigliare uso di alghe nel mio lavoro di farmacista, docente di naturopatia e consulente macrobiotico, è nei casi di ipertiroidismo autoimmune e non, mentre gli ipotiroidei ne posson trarre beneficio ma in modo attentamente controllato e misurato individualmente da persona esperta, e tutto il pubblico può usare alghe almeno quelle meno iodate con dosaggi alquanto liberali. Per alcuni autori degni di fiducia la dose quotidiana può eccedere quella da me indicata, e certamente le dosi ora raccomandate dall’UE sono irragionevolmente basse.  

- fin dove ci si è spinti nell'utilizzo delle alghe a fini terapeutici? Esiste letteratura scientifica che attesta la loro efficacia?

L’unica scuola a mia conoscenza che abbia osato sin dagli anni 70 parlare di alghe come cibo benefico per la salute e la nutrizione è quella macrobiotica. Un pallido accenno si trova in certe ricette erboristiche con l’uso del Fucus Vesciculosus,  alga mediocre ma di facile raccolta in Francia, per prodotti dimagranti e qualche timido accenno agli integratori in Iodio per sofferenti di tiroide.

Inoltre c’è la importante categoria delle c.d. MICROALGHE,  o Cianobatteri, che sono piante acquatiche di classificazione incerta proveniente da acque alcaline di laghi spontaei o coltivate in massa, citerò per ora solo Spirulina, Chlorella e Aphazomenon Klamath, dalle molteplici virtù nutrizionali che possono esser di notevole aiuto per svariate condizioni di salute. Devo gran parte delle informazioni su di esse al primo pioniere che le importò in Italia da oltre 20 anni, il dr. Paolo Adorni da Fornovo PR che ne fa trasformazione e commercio in Italia. Sto scrivendo un libretto sul tema per suo conto, e rinvio ad esso il lettore che volesse approfondire l’interessante argomento. Ribadisco, le Microalghe non sono alghe marine ma ciano batteri di acque particolari, non hanno iodio ma hanno molto altro tra cui tante proteine, e in questo articolo ci occupiamo delle A. propriamente dette, quelle marine o Macroalghe.

Le A. sono raccolte in acque basse in genere a mano in mari puliti lontani da inquinamenti industriali, sovente sono coltivate un poco come le cozze e mitili su sistemi di reti in acqua, cosa che richiede solo inseminazione e raccolta, e non necessita di alcun fertilizzante o trattamento chimico di sorta. Se vi recate sulle coste Atlantiche le spettacolari maree basse vi aiuteranno a raccoglier alghe quasi all’asciutto su fondali normalmente di 6-8metri, grande divertimento utile la raccolta nei Jardins des Algues francesi!

Usi di alghe con effetti salutari, in Macrobiotica e Med. Tradizionale Orientale

RIMINERALIZZANTI - Le alghe sono la miglior fonte di tutti i minerali utili all’uomo, e forse persino dei micro-nutrienti ancora non noti ma probabilmente utili all’uomo. Sodio (non in dose eccessiva) magnesio, Potassio, Iodio (introvabile altrove tranne il pesce o il vero sale marino, mentre stigmatizzo e sconsiglio il sale iodato con ioduro potassico aggiunto) Calcio, Ferro, Rame e almeno una quarantina di altri metalli utili, mentre sono esclusi in ogni caso i terribili metalli pesanti che l’alginato sequestrerebbe rendendoli indigeribili come lo è lui stesso, se fossero presenti nelle loro acque. Le alghe sono più sicure delle piante di terra, come esenti da inquinamento. Probabile aiuto nell’accelerare la guarigione da fratture.

DIMAGRANTI E ANTI-FAME con l’alginato le alghe, poverissime in calorie e prive o quasi di grassi, saziano e nutrono senza appesantire, sono quindi un grande completamento d’ogni dieta specie se vegetale/integrale.

RINFRESCANTI E TONICI DELLO YIN. Criterio della medicina Orientale, da me molto sperimentato come reale ed efficacissimo. Le A. rinfrescano e dunque sfiammano i tessuti, donano resistenza ed elasticità a vene ed arterie, prevengono la malattia vasomotoria e cardiaca, abbassano il colesterolo e tengono giovani i tessuti, i capelli, le vene e la pelle. Usate preferibilmente cotte arricchiscono e rendono teneri i legumi secchi dalla lunga cottura o i cereali completi, compongono zuppe bilanciate e nutrienti e molti contorni, si usano pure in tisane o come impacchi esterni molto efficaci, come dimostro nei miei corsi sui rimedi naturali.

ALTRI USI Che si sappia, ricerca scientifica viene svolta in tutto il mondo sia per gli effetti nutrizionali che quelli medici, con risultati molto promettenti e mai controindicazioni al loro uso. In particolare esse possono aiutare in angio-cardiologia, dietetica, diabetologia, oncologia, artrologia e dermatologia.  In particolare istituti Francesi, Giapponesi e Canadesi sono al lavoro sulle A. nei loro molteplici tipi e usi, per cui possiamo tranquillamente concludere trattarsi di ottimi ingredienti per la dieta umana ed il cui potenziale e conoscenza hanno ancor molto da insegnarci.

LETTERATURA SCIENTIFICA (escludendo le Microalghe) vedi mail inviata ieri contenente Bibliografia essenziale

 

 


 
  •  
  • P.I. 10425490017
  •