FUTON TORINO PRODUTTORI MATERASSI FUTON



Il blog di Stefania Rossini
Pontevico - Brescia
via Strada guazza, 6
Pontevico (BS)
cell. 3332336922
Argomenti trattati del blog:

Lievito per dolci fatto in casa - pasta madre - detersivo per bucato -

soffritto fatto in casa - pasta fatta in casa senza uova e con farina

integrale - pasta frolla senza burro, senza uova, integrale -

pasta madre senza glutine

probiotici naturali in cucina


                                     LIEVITO PER DOLCI 

                                       FATTO IN CASA


Da 5 anni non utilizzo più le classiche bustine di lievito per dolci , quella polverina magica che spesso lasciava il fastidioso

retrogusto di chimico è ormai storia passata.

Niente cremor tartaro , in realtà non l’hò mai utilizzato …
Che utilizzo quindi????
Semplice come sempre, veloce e facile da realizzare questo lievito efficace , dopo 5 anni

posso affermarlo a voce altissima ….EFFICACE , che utilizzo per torte e biscotti dona anche
aroma ai preparati oltre a farli lievitare alla perfezione.

Spremo un limone, oppure una mezza arancia , dipende dalla stagione, in questo succo poi
aggiungo un cucchiaino di bicarbonato di sodio , questo preparato fà reazione chimica e frizza …
Continuando a mescolare aspettiamo che la soluzioni si calmi , ma non del tutto , a questo punto
lo aggiungiamo a tutti gli altri ingredienti che avremo nel frattempo amalgamato.
MI RACCOMANDO Questa soluzione , come vedete in foto và preparata sempre a parte ….

NON AVETE IN CASA IL LIMONE?

Nessun problema questo lievito per dolci fatto in casa si potrà realizzare anche con l’aceto,
avete capito
bene.. ACETO!
In un bicchiere metti quattro cucchiai colmi di aceto di mele, oppure aceto di vino bianco, ed un 

cucchiaino

scarso di bicarbonato di sodio, la reazione chimica a vulcano sarà minore e smetterà molto prima
mi frizzare,

mescola per bene e aggiungi all’impasto!

PASTA MADRE COME INIZIARE
DA ZERO …..
la preparazione della lievito madre non è difficile se seguite scrupolosamente le mie indicazioni ,ma richiede cure costanti
almeno all’inizio…

poi basta una volta la settimana…. Partite con 200GR FARINA ,100ML ACQUA TIEPIDA,1 CUCCHIAIO OLIO EXTRAVERGINE,
1 CUCCHIAIO DI MIELE,
mescolate il tutto molto bene e lasciare lievitare a temperatura ambiente coperto con un panno bagnato per 48 ore.passate le 48
ore tolgiete 100gr
dall’impasto iniziale ,e aggiugere alla rimanente pasta 200 GR FARINA,100 ML ACQUA TIEPIDA ,riimpastare e lasciare riposare 24
ore,ripetere quest’ultima operazione per 8 volte dopodichè potrete utilizzarla per fare impasti al posto del lievito di birra.

come vedete non è difficile ci vuole solo pazienza ,poi la terrete in frigorifero in un recipiente di vetro
con il coperchio e la rinfrescate cioè 200 GR FARINA 100 GR ACQUA TIEPIDA, 200 GR PASTA MADRE ,
una volta la settimana anche se non la utilizzate per mesi ricordatevi di rinfrescarla almeno una volta
la settimana altrimenti va a male….con la pasta che tolgierete perchè in eccesso potrete , farne delle
specie di piadine….come???

PRENDETE LA PASTA unitevi un poco di sale lavorarla un pò ,lasciarla riposare per un’oretta in una
ciotola copreta con uno strofinaccio bagnato,,prendetene dei pezzettini e stendetela molto finemente
con il lattarello ,
scaldate una padella antiaderente con un poco di olio ,e fate cuocere la piadina da entranbe le parti…
se volete potete anche farcirla con nutella ,verdurine ecc…

il lievito naturale comprende, tra i lieviti, diverse specie di
batterilattici
eterofermentanti
ed omofermentanti del genere 
Lactobacillus
. La fermentazione dei
batteri lattici
produce
acidi organici e consente inoltre una maggiore crescita del prodotto
e una maggiore
digeribilità
e conservabilità

DETERSIVO BUCATO

Un pò di chiarezza in merito….

La domanda più gettonata ho notato nel mio girovagare è……..COME FAI A FARE IL DETERSIVO
PER LAVATRICE CHE LAVI????

Risposta alquanto difficile credetemi, perchè la concezione di pulito profumato è entrata nelle nostre
case grazie a pubblicità con stelline brillanti davanti ad un bianco candeggiato ….
Molti ancora non sanno (anche io fino a 5 anni fà) che questo bianco non è pulito ma è colorato grazie
a sbiancanti ottici che ci fanno credere che il capo sia ben pulito……
Che dire poi del profumo come lo definisco io TOSSICO, profumi finti con nomi accattivanti …che fanno
assuefare il cervello e che in automatico lo associano al pulito più pulito…..
In primis, rispondo che il vero cambiamento non è cambiare detersivo, ma cambiare il modo di vedere 

le cose e di valutarle ..e sopratutto cercare informazioni, non stancarsi di cercare informazioni….

Non mi soffermo sui danni alla pelle e ambientali che i detersivi tradizionali causano, mi piace anzichè
continuare scavare nel problema cercare di trovare una soluzione …..

Ed eccola la mia soluzione ……O meglio non ho inventato nulla io ..anche io ho cercato provato imparato
sperimentato sul campo, sbagliato…tanto sbagliato …ma poi la soluzione ecco qui :
Ingredienti :

.  gr 100 panetto di sapone di marsiglia (non quelli gellosi ma belli duri e compatti) nel mio caso utilizzo
il mio sapone autoprodotto per bucato
. gr 50 bicarbonato di sodio
. gr 50 percarbonato di sodio
Il procedimento è davvero semplice e lo poassiamo far fare ai piccoli di casa cosi, si divertiranno e
impareranno anche l’utilizzo della bilancia da cucina …
Si gratugia il panetto di sapone, in questo modo aotterremo 3 polveri bianche
( nella terza foto spero si vedano ) ,
si mescolano le polveri …ed ecco che la metà del gioco è fatto….

A questo punto , una cosa molto importante un grosso errore che io ho fatto all’inizio del mio
percorso di autoproduzione è utilizzare solo questi tre ingredienti…Non avevo informazioni, non sapevo , ed ero convinta
che fosse finita tutto qui …..
INVECE NO , a lungo andare utilizzando solo questo detersivo , otterrete capi non perfettamente lavati ,
puzzolenti , e rovinerete la lavatrice …non parlo per teoria ma ho sperimentato purtroppo in  pratica ….
Quindi vi potrà sembrare lungo ma fate mi raccomando anche il citrato di sodio qui metto il procedimento :
COS’E’?

E’ un sequestrante , separa e allontana i metalli pesanti , ha la
funzione di addolcire l’acqua , evita che si formi la "bava” nella
lavatrice quando utilizziamo detersivi realizzati da noi in casa.

COME SI FA’?

A differenza del nome molto strano la preparazione è  molto semplice , pochi passaggi ed un pò di pazienza .
Ingredienti
gr 180 di acido citrico
gr 750 di acqua demineralizzata , quella che si utilizza per mettere nel ferro da stiro
gr 250 bicarbonato di sodio

Procedimento
In un catino capiente e alto mettere l’acqua demineralizzata tiepida,
aggiungere l’acido citrico , mescolare per bene , quando l’acido citrico
sarà totalmente sciolto aggiungere pochissimo per volta il bicarbonato
di sodio , mi raccomando poco per volta perchè a questo punto avrete la
reazione chimica.
Frizzerà tutto e il tutto lieviterò a dismisura , quindi tenere

mescolato e aggiungere ancora bicarbonato poco per volta , tenendo
sempre mescolato , fare sciogliere il bicarbonato fino ad ottenere un’
acqua densa .
Nel frattempo noterete che il catino quasi si ghiaccerà o comunque verrà molto freddo .
Quando tutto si sarà calmato , quindi non frizzerà più , svuotare in una
bottiglai di vetro o plastica di recupero mettere una bella e grande
etichetta con la scritta CITRATO DI SODIO.

Quindi ricapitolando …….

ecco il detersivo finito da mettere nella vaschetta del detersivo

SOFFRITTO SANO SEMPRE PRONTO FATTO IN CASA

Ecco sopra come realizzare il nostro soffritto sempre pronto
poche mosse per ottenere un prodotto sano, e indispensabile per ogni cucina italiana.

IL SOFFRITTO .

Prendete sedano, anche le foglie, cipolla e carote, meglio tutto bio e dell’orto, in questo mio caso solo
purtroppo le cipolle erano auto prodotte da noi .
Lavate bene le verdure, tagliatele a tocchetti, più piccoli sono prima essiccano, adagiare nei cestelli
dell’essiccatore e procedere all’essiccazione. .
Dopo circa 30 ore, dico circa perchè dipenderà molto dal tipo di essiccatore utilizzato e dalla grandezza
dei pezzetti che avrete fatto.
Quando il tutto è essiccato, frullare e versare in un vaso di vetro dove si conserverà per mesi mesi e
ancora mesi , se non prenderà umidità.
Utilizzatelo dove preferite, anche per condire insalate fresche di stagione .. per insaporare pizze e

pani ….non solo come soffritto …

Si conserverà per mesi e mesi in vasi di vetro.
  

PASTA FATTA IN CASA senza uovo con farina integrale

La pasta fatta in casa rustica oltre che di facile realizzazione ha tempistiche davvero a prova di lavoratrice

delle 12 ore, come chiamo io chi vive di solo lavoro, stressatissima e depressissima oltre che frustratissima,

la quale arrivando a casa, la sua coscienza esce in tutta la sua maestosità e guardando negli occhi i figli

comprende che non può rifilare l’ennesima bistecca saltata in padella che si dimezza
(se ti và bene perché altrimenti sparisce)
piena di concimi tossici, pesticidi, fertilizzanti, antibiotici e altre porcherie vari, oltre che

la sofferenza ed il sangue che ne esce quando la cucinerà…

Questo tipo di pasta svelta, è molto appetitosa e sazia parecchio, con un buon sugo di
verdure la si potrà servire quasi come piatto unico, ai bambini di sicuro si! Per questo
dico che se avete un essiccatore preparatene un bel po’ cosi da averne sempre di scorta per ogni evenienza.

Quello che propongo oggi è pasta fatta in casa senza uovo integrale, buona, facile,

veloce, e con due varianti, alla preparazione base :
  • farina integrale gr 500 (nel mio caso come da fotografie)
  • acqua quanto basta per ottenere un composto omogeneo (vedi fotografie)
  • pizzico di sale

Potrete poi aggiungere farina di verdure, cioè verdure essiccate e poi ridotte in polvere,

nella quantità desiderata, io ho aggiunto circa, per la pasta verde 4 cucchiai i farina di

prezzemolo, e per la pasta gialle, 2 cucchiai colmi di curcuma.

Una volta impastato potrete se avrete tempo lasciare riposare l’impasto per una ventina di minuti,

cosi che eviterete di impastare, quando avrete a rilavare l’impasto sarà liscio, basta aspettare … è una sorta di autolisi!

Stendete con un matterello fino allo spessore desiderato, avvolgere la pasta su se stessa
formando un rotolo, cospargete molto bene di farina altrimenti si attacca.
Fate bollire dell’acqua salata e a bollore tuffateci la pasta, tempo pochi minuti

tenendo mescolato sarà cotta, condite a piacere.

Nel mio caso ho condito con un olio delicato e biologico

PASTA FROLLA senza burro, senza uova, integrale

La pasta frolla è un classico di crostate, biscotti e basi per torte di crema pasticciera
e molto altro ancora. Semplice e facile da preparare, diventa un tantino più complicato quando
parliamo di ricette più salutari, anzi lo diventa per chi ancora non si è cimentato, perché vi posso
garantire che con la ricetta che troverete qui rimarrete stupidi dalla semplicità e velocità in cui si
risolvono problemi che a volte sembrano insormontabili, come per esempio togliere burro e uova ed
avere comunque un prodotto buono e gustoso!

L’unica a mio avviso controindicazione, che essendo impastata con farina integrale si lavora con difficoltà,
ma basterà impastare poco impasto per volta e tutto vi si formerà nelle vostre mani esattamente come
siete abituate.

La pasta frolla senza burro e senza uova, potrete anche congelarla.

Una volta impastata stendetela e formate un panetto di cm 5 al massimo, inseritela in un sacchetto apposito
per congelare oppure un contenitore idoneo e congelate, sarà sempre pronta all’uso, la sera prima dell’utilizzo
non vi resta che spostarla dal congelatore al frigorifero e la mattina procedere.

Potrete anche congelare la torta preparata ma non cotta, anche qui lo stesso procedimento come sopra,
avrete sempre torte pronte per ogni evenienza.


INGREDIENTI

  • gr 500 farina integrale biologica
  • gr 200 zucchero di canna integrale mescolando
  • gr 130 olio
  • gr 110 acqua ( questa aggiungetela poca per volta, la quantità cambia in base al tipo
  • di farina che utilizzate, ogni farina ha un diverso tipo di "assorbenza” )
  • pizzico sale
  • lievito per dolci

PREPARAZIONE

  1. amalgamate tutti gli ingredienti secchi, farina, zucchero, sale, mescolate con una forchetta
  2. aggiungere l’olio ed il lievito, mescolare
  3. piano piano aggiungete, poco per volta l’acqua fino ad ottenere un impasto lavorabili

A questo punto potrete procedere alla lavorazione, oppure lasciarla in frigorifero qualche ora

anche tutta una notte e poi riprenderla e lavorarla.


PASTA MADRE SENZA GLUTINE


Celiaci, dieta del gruppo sanguigno, consapevolezza che il glutine di certo
non è la cosa che faccia più bene al mondo, anzi se elimintao può fare miracoli
sulla nostra alimentazione in modo positivo ; quale sia la motivazione , il fatto è
che ci sono sempre più persone interessate a questo argomento.

Il problema è che i mix di farine senza glutine in commercio a mio avviso ,
non tutte la molte sono tutto tranne che naturale , si non hanno glutine ma…..
provate a vedere che altre schifezze contengono …quindi MAI utilizzate , inoltre
poi costano davvero molto, e se devo per froza spendere più denaro per un prodotto
senza glutine , almeno che sia salutare !

Sempre crescente è la richiesta di questi prodotti , per fortuna in casa mia nessuna allergia
nessuna dieta particolare , se non quella del rispetto degli esseri viventi , però la mia curiosità ,
la mia voglia di sperimentare , e prossimamente anche l’apertura del GIRASOLE che sarà colazione vegana ,
e non solo per i vegani ma per tutti coloro che intelligentemente sono anche solo curiosi di come può essere
buona una torta senza uova e burro ………inoltre poi i celiaci  e chi non ama il glutine avrà qui un occhio di
riguardo con prodotti fatti in casa adatti per loro senza rinunciare al gusto e magari trovando ricette sperimentate
e collaudate da potere riprodurre a casa , infatti in cucina nel GIRASOLE avrete un quaderno dove troverete
le ricette dei prodotti che ci saranno per le colazioni , cosi da poterle ricopiare e rifarle nella vostra quotidianità!

Partiamo con la PASTA MADRE SENZA GLUTINE

Nella foto in alto vedete gli ingredienti :
– gr 100 farina di riso
– gr 100 farina di mais possibilmente di macina fine ù
– 1 cucchiaio di zucchero di canna integrale
– 1 cucchiaio di olio extravergine ma va bene qualsiasi olio
– gr 130 di acqua tiepida
Ecco in alto l’impasto, ovviamente nulla a che vedere con l’impasto della pasta madre con il glutine,
scordiamoci pani gonfi , soffici , morbidi , da manipolare con facilità e dal sapone comune , scordiamoceli proprio!!

Avremo un impasto , di difficile manipolazione che "non stà insieme” , la regola d’oro è idratare , cioè utilizzare
più acqua del solito.

Dopo questa operazione mettiamo il tutto in un vaso di vetro e copriamo con il coperchio , chiudiamo
il coperchio ma non del tutto, il vaso di vetro poi ci servirà per vedere prossimamente la sua lievitazione .
Lasceremo a temperatura ambiente per 4 giorni senza toccarla …BUON RIPOSO!

DOPO 4 GIORNI

Eccola dopo 4 giorni con evidente condensa ……. L’odore è di
scamorza affumicata ,

esattamente scamorza affumicata , se non l’avessi fatta io ,
se non sapssi che

di scamorza in casa non c’è nemmeno l’ombra giurerei che l’ingrediente base

è proprio scamorza affumicata …..
Odore a parte la peso , è circa 400 gr , ci aggiungo 400 gr di acqua tiepida e 400 gr

di farina (gr 200 di riso e gr 200 gialla ) semplice ….Tutto uguale .

Amalgamo , anche se onestamente non è che si amalgama granchè ….e il risultato è questo:



Ripongo nel vaso che nel frattempo avevo lavato , togliendo l’odore di scamorza affumicata

copro con il coperchio ma senza avvitare .

Lascio riposare ancora ….

DOPO 2 GIORNI , circa 48 ore su per giù

Prendo la mia quasi  pasta madre  , ne prendo solo gr 200 , l’altra la ripongo insieme alla
pasta madre "normale” con glutine e la rimetto in frigo in attesa del prossimo pane con glutine ,
ormai con questi continui rinfreschi l’impasto è  molto abbondante quindi opto per utilizzarlo nel prossimo
pane con glutine .

Nella ciotola della bilancia trasparente i miei gr 200 di impasto che poi
rinfrescherò ,
nella ciotola azzurra il resto dell’impasto della mia quasi pasta madre che utilizzerò

per fare il prossimo pane e nella ciotola bianca metterlo tutti gli ingredienti per il rinfresco …
PROCEDO CON IL RINFRESCO
gr 200 di quasi pasta madre
gr 200 di acqua tiepida
gr 100 farina di riso
gr 100 farina di mais fine
Impasto il tutto e rimetto nel vaso di vetro coperto con il sigillo ma non avvitato a
riposare per altri due giorni

Con mio grande stupore dopo 10 ore dal rinfresco scritto proprio qui sopra qualcosa si muove


 


le foto sono orrende ma si vede che qualcosa ha lievitato perchè è sopra la linea azzurra
che avevo fatto per valutare se l’impasto iniziava a dare segni di vita …con mia incredulità dopo
soli 6 giorni dall’inizio di questa nuova avventura si è mosso qualcosa …Benissimo …….

Dall’inizio di questa nuova avventura sono passati 15 giorni e 7 rinfreschi fatti un giorno si ed uno no ,
la pasta madre è sempre restata a temperatura ambiente .
La pasta madre dovrebbe essere pronta per l’utilizzo, si alza di un terzo nel giro di tre ore dopo il rinfresco, da oggi si prova a fare

il pane senza glutine, ardua impresa ma provando poi si imparerà a realizzare qualcosa di mangiabile ….



15 SEGRETI PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI

Qualsiasi sia il vostro obiettivo da raggiungere, che lo si accetti o meno richiede lavoro, costanza
e fiducia in se stessi. In tanti mi chiedete, da dove sei partita? Da cosa hai iniziato? Cosa ti spinge ad andare  
avanti? Sono domande che richiederebbero ore ore ore ed ancora ore per potere spiegare il tutto ed alla fine
solo l% comprenderebbe ed in pochi rispetterebbero, perché? Perché è stato un percorso, prima di tutto molto
personale inoltre ha richiesto uno sforzo che noto ancora in pochi sono disposti ad attuare per realizzare i propri
desideri, questa è la motivazione principale a mio avviso per la quale in tanti non ottengono dalla vita quello che
vorrebbero. Ho incontrato negli ultimi cinque anni migliaia di persone, la maggior parte incontrandole dopo anni,
noto che hanno gli stessi problemi di un tempo, le stesse difficoltà???? Perché? Perché continuano a ragionare
con la stessa mente di un tempo, per attuare cambiamenti, il punto fondamentale è cambiare prima di tutto
noi stessi senza aspettarci nulla da nessuno altro al di fuori di noi stessi, il problema grande è che è troppo
facile giudicare, molto più difficile per alcuni impossibile guardarsi dentro e migliorarsi.

Un giorno mi sono seduta, ero sola in casa, ero circondata dal silenzio, la luce del sole entrava da una finestra
aperta per illuminare il mio foglio sul tavolo, il profumo di incenso sotto le mie narici mi inebriava, presi la matita
in mano e decisi di mettere nero su bianco i valori che mi hanno portata a realizzare tanti sogni, che avevo
nel cassetto e che stavano facendo la muffa, uno per uno li ho rispolverati, adattati, buttati se non facevo
più parte del mio percorso, e uno per uno realizzati, con la flessibilità che mi spinge ogni giorno a rimettermi in gioco.

  1. FREGATENE DEGLI ALTRI. Facile da dire, molto più difficile da attuare. Anche per me è stato un lavoro non
  2. indifferente e proprio grazie alle malelingue ho compreso quanto sia folle dare loro energia. Ringrazio pubblicamente
  3. chi ha denigrato la mia persona ed il mio operato perché è proprio grazie a loro che ho compreso quando sia stato stupido inizialmente pretendere che tutti comprendessero. Qualsiasi cosa tu faccia, ricordati sempre ci sarà sempre qualcuno che non è d’accordo, ricordati sempre che non devi accontentare gli altri, la vita è la tua e devi tu essere felice, LA TUA FELICITA’ NON TOGLIE FELICITA’ AGLI ALTRI anzi potrai  contagiare, ma se qualcuno si sente offeso del tuo operato o dai tuoi pensieri,
  4. è questa stessa persona a stare male e ad avere dei problemi, NON TU. Vivi la tua vita senza fare del male agli altri, concentrati sulle cose e le persone che ti fanno stare bene, tutto il resto è un contorno che possiamo piano piano evitare, con il tempo si diventa bravi anche in questa cosa, è solo CREDIMI questione di pratica.
  5. Lavora come un monaco almeno un’ora al giorno per il tuo obiettivo.
  6. Qualsiasi cosa, anche la lettura di un libro a tema oppure risparmiare, sono pratiche per realizzare il proprio obiettivo.
  7. Pensa alla fattibilità del tuo obiettivo, non ambire a desideri impossibili, sarai frustrato a vita , rimarrai deluso tutta la vita.
  8. Valuta se il tuo obiettivo è realizzabile.
  9. Sai davvero quello che vuoi? Oppure il tuo obiettivo è astratto? Chiediti cosa vuoi davvero!
  10. Perché lo vuoi? Cosa faresti se lo avessi già ottenuto il tuo obiettivo?
  11. Non fare dipendere i tuoi obiettivi dagli altri. Credi in te stesso e lavora con te stesso.
  12. Sii coerente
  13. Porta pazienza, ma non troppo! Datti delle scadenze entro le quali se l’obiettivo
  14. non è realizzato, potrai passare al piano B, forse la strada che hai percorso non era esattamente quella giusta.
  15. Prenditi la responsabilità della tua vita. Troppo facile, incolpare gli altri o le situazioni, domandati sempre come puoi tu migliorare per realizzare il tuo obiettivo, ricorda che è il tuo e a nessun altro oltre a te interessa cosi tanto. Ma ti interessa davvero tanto raggiungerlo? Bene allora muoviti!!
  16. Sei sicuro che è quello che vuoi veramente dalla vita? Oppure è una cocciutaggine ?
  17. Liberati dal superfluo. Davvero tutto quello che possiedi è indispensabile? Davvero tutte le relazioni che hai sono utili e ti fanno stare bene ?
  18. Prenditi in giro, non prendere la vita troppo sul serio!
  19. Accetta dei compromessi, non sempre l’obiettivo che ti sei precisato si realizza al 100% come lo avevi sognato, spesso ci sono compromessi che la vita ci impone, e alla fine comprenderai che sono stati proprio quelli a renderlo unico
  20. Sii flessibile, come una gomma, che si piega ma non si spezza, la flessibilità nella vita è fondamentale, infatti i coccodrilli sono dinosauri arrivati fino a noi perché sono stati cosi flessibili ad adattarsi in moltissime situazioni.
  21. Costruisci una mappa scritta, una strategia, scrivi tutto, scrivere e leggerlo spesso è fondamentale, appendi questi scritti in luoghi ben visibili. INIZIA ORA !
  22. Premiati, ogni volta che raggiungi un sottobiettivo, oppure riesci a superare un ostacolo, premiati, con una passeggiata con un’amica, una giornata di riposo, una mattinata sotto le lenzuola a fare un beato niente, scegli tu , am che non sia un premio materiale, quella è una compensazione psicologica…

ANCHE UN VIAGGIO DI MILLE MIGLIA, INIZIA CON UN SINGOLO PASSO. Lao Tze.


PROBIOTICI NATURALI IN CUCINA

Un libro davvero completo, utile, con ricette e spiegazioni chiare e dettagliate. Donna Schwenk, l’autrice
ci regala un manuale davvero indispensabile in cucina, partendo come piace a me dalla sua personale esperienza
per poi condividere il suo percorso e aiutandoci a capire meglio tutti i proibiotici che possiamo farci in casa da noi,
fornendo ottime e fattibili ricette realizzabili da chiunque.

I probiotici come ben sappiamo sono molto utili per la digestione, indispensabili per la salute dell’intestino e ottimi
per rafforzare le difese immunitarie, i fermenti contenuti negli alimenti proibito fanno bene a tutto l’organismo.
Sono ricchi di enzimi, aiutano ad assorbire le sostanze nutritive, stimola la produzione di anticorpi e sono indispensabili
per la salute della flora batterica.

Kefir http://www.naturalmentestefy.it/2012/08/27/kefir-di-acqua-bevanda-per-tutte-le-stagioni/

kombucha  http://www.naturalmentestefy.it/2011/08/24/kombucia-la-bevanda-chiamata-lelisir-di-lunga-vita/

pane con pasta madre  http://www.naturalmentestefy.it/2011/08/17/pasta-madre-come-iniziare-da-zero/

http://www.naturalmentestefy.it/2015/02/26/pane-senza-glutine-con-pasta-madre/

verdure lattofermentate (presto anche qui nel blog)

germogli http://www.naturalmentestefy.it/2013/11/07/come-avere-i-germogli-in-poche-mosse-cibo-vitale-e-sano/

Sono tutti temi trattati nel libro Probiotici naturali in cucina dove imparerai a preparare in casa in modo
semplice e divertente questi piccoli tesori colmi di benefici batteri, vitamine e minerali, con i quali si può preparare
di tutto, da cocktail e bevande salutari, fino a piatti completi e sane colazioni. Tramezzini alle verdure fermentate,
zuppe variopinte, fragranti pagnotte ai semi, e dessert da leccarsi i baffi!

Unica nota che posso segnalarvi che non ho gradito molto è l’utilizzo di una determinata cultura, la quale si dovrebbe
acquistare, cosa che invece tutti questi probiotici li possiamo trovare in regalo o barattare con amiche, unica direi nota
da segnalare, ma che non varia la mia opinione in merito a questo prezioso manuale utilissimo e da tenere sempre
a portata di mano!

Più di 25o pagine ricche di consigli, spunti, idee ricette da potere realizzare ogni giorno un una normale cucina.

Consigliassimo quindi questo libro, una vera bibbia della fermentazione da tenere in cucina sempre pronta all’uso!


LA FATTORIA DI SARA E GIULIA

Il lavoro dobbiamo inventarcelo, non è un detto moderno, ma una vera e propria necessità. Cosi ha fatto Anna
e suo marito, si sono reinventati un lavoro con passione, credo personale e tanto tanto lavoro.

Quando ho parlato con Anna al telefono dopo avere provato alcune delle loro prelibatezze mi ha raccontato che
lei ed il marito spesso restano svegli fino a notte tarda per lavorare, mi diceva di quanta cura necessitano questi
prodotti di ottima qualità, le materie prime selezionate e tutto il lavoro di trasformazione che ne consegue.

In casa nostra abbiamo avuto l’opportunità di gustare, marmellata di zucca (divina), olive in salamoia
( non ho fatto in tempo ad assaggiarne nemmeno una, ma a quanto pare era una vera delizia visto che sono sparite
in un nano secondo, Riccardo Michela e Beatrice bramavano alla loro vista e le hanno letteralmente divorate),
la pasta di vari formati, ottima, alla curcuma, alla barbabietola, integrale…

Come metro di misura utilizzo i miei figli e credetemi anche con la pasta, senza che vedessero la provenienza
e la confezione di quello che ho cucinato( erano in un’altra stanza) hanno tutti esclamato…che buona questa pasta!

La fattoria la potrete trovare qui :  http://lafattoriadisaraegiulia.jimdo.com

E’ anche B&B l’indirizzo è : via Pio x 8 Fossalta di Portogruaro

telefono  328 752 2722

CROSTATA DI CREMA PASTICCERA ALLE MANDORLE

Sono felicissima quando le amiche condividono il loro percorso e le loro ricette, sono sempre ottimi spunti
e sopratutto posso aiutare chi come me e tantissime di voi cercano di migliorarsi ogni giorno senza sosta.


CROSTATA ALLA CREMA E MANDORLE.

Crema pasticcera
350 ml di latte di riso
70 gr zucchero di canna
35 gr maizena
Limone non trattato
1 pizzico di curcuma
In un pentolino aggiungere il latte e la maizena, mescolare e aggiungere la scorza di limone, portare a
ebollizione, unire zucchero, e un pizzico di curcuma, appena inizia a sobbollire togliere la scorza e aggiungere
il succo del limone e mescolare bene.

Stendere la pasta frolla, versare la crema, coprire con delle mandorle tritate grossolanamente e spolverare
con zucchero di canna.

Infornare a 180 gradi 25 minuti circa.


VIDEO-CORSO SULLA FERMENTAZIONE

Finalmente dopo due anni di sperimentazione ho un filmato sui fermentati! Il corso completo dura dalle
due alle tre ore, in questi pochi minuti sono state condensate molte informazioni, ma non sono complete,
ovviamente non potevamo per motivi di "spazio” di tempo e diciamocela tutta tre ore di video è un po’ una
noia mortale…Quindi spero di cuore che questi minuti servano per incuriosirvi e volere approfondire l’argomento.

Sottolineo che la sottoscritta non è un’esperta, non lo sono in niente, non sono tuttologa e non sono nessuno,
non ritengo di avere nessuna verità in tasca, con queste condivisione porto la mia PERSONALE esperienza,
null’altro, solo ed esclusivamente, vita vissuta in prima persona.

Avevo già parlato dei fermentati, qui troverai come realizzare un fermentato di aloe, oppure qui per la ricetta
di come fare un detersivo per piatto con gli scarti della cucina, ecco qui

Ringrazio di cuore L’accademia del Saper Fare del Ticino ASAFA’, per avermi invitato da loro in Svizzera e per
avere realizzato questo video, ringrazio tutte le persone che hanno interagito, che si sono adoperate perché tutto
questo avvenisse!

Ripeto che il video  non è completo ma racchiude in pochi minuti il succo dell’argomento.

Chiunque fosse interessato ad organizzare un corso sull’argomento mi contatti pure, oppure a partecipare ad eventi
già organizzati, la mail è :

stefaniarossinis@libero.it

Il corso lo svolgo gratuitamente, non chiedo compenso economico, uniche cose che chiedo sono il rimborso
delle spese del viaggio ed un posto in cui dormire, senza pretese, anche un sacco a pelo per terra a me và più che bene.


SCONTI FINO AL 50% SU PRODOTTI BIOLOGICI



Ritengo che donare un servizio, sia in primis donare parte di sé.

In questo blog da anni cerco di condividere parte della mia vita con ricette e consigli pratici, voglio tuttavia
essere di aiuto anche negli acquisti. Chi mi conosce oppure chi vede il blog mi chiede spesso dove e perché
acquisto, la questione è del tutto soggettiva, dipende dai periodi e dalle offerte in corso, per questo oggi voglio
dirti dove ogni mese faccio acquisti da ormai 4 anni, praticamente ogni mese e la mia esperienza  fino ad oggi
è molto positiva.

I prodotti arrivano in due giorni,

non devo muovermi da casa e consumare benzina per recarmi nei negozi di prodotti biologici lontani 15 km minimo

se accidentalmente nel trasporto si rompe un prodotto lo sostituiscono

l’imballaggio è di riciclo o con carta selezionata

forniscono un  servizio di assistenza molto valido

hanno centinaia di prodotti dai dvd, ai libri, ma sopratutto cibo biologico

Ti avevo già parlato qui   di questa piattaforma, continuo a farlo perché se metto la faccia su una cosa è
perché la conosco e posso permettermi di divulgare, il sito è questo :

http://www.macrolibrarsi.it?pn=2820

Ora con le fotografie ti seguo passo per passo su come trovare i prodotti in offerta che cambiano spesso
quindi ti consiglio come faccio io di tenere d’occhio la pagina e monitorarla almeno una volta la settimana,
ricorda inoltre di spendere almeno 29 euro, in questo modo non pagherai le spese di spedizione.

GRATIS A CHI?

Il gratis ormai và di moda, spesso come parola civetta per attirare persone, spesso per aggirare tariffe
nascoste, gratis a volte lo è per davvero! MA PER CHI??

Il gratis al 100% non esiste, qualcuno paga sempre. Questo post ha un unico scopo, cercare se servirà
di fare riflettere e di pensare al nostro comportamento del passato.  Io per prima quando leggo gratis ora
come non mai, rifletto sempre su chi avrà ripercussioni su  questo gratis.

Vi racconto la mia personale esperienza, credo infatti che per potere essere credibili bisogna in qualche
modo esporsi, e portare il proprio vissuto, da queste mie esperienze poi trarrete ciò che più vi piace e ciò
che più serve per il vostro cammino di vita, il racconto che vi farò servirà  solo da imput per riflessioni ancora più serie…

Organizzo presentazioni e corsi in giro per il Bel Paese, spesso questi corsi sono gratuiti, per mio volere,
ma gratuiti poi per chi?

Chi paga i materiali?

Chi paga l’affitto della stanza dove si svolgono i corsi?

Il riscaldamento, la corrente, l’acqua?

Chi riordina poi la stanza?

Chi organizza? L’organizzazione spesso viene sottovalutata, ma ci vuole una locandina, persone interessate,
telefonate, mail, conferme, persone che si prenotano e all’ultimo disdicono. L’organizzazione è una cosa seria
che richiese molto tempo e sopratutto moltissima pazienza, anche qui ci vorrebbe un post tutto incentrato
sull’organizzazione pro e contro….ne dire delle belle!!

Inoltre io personalmente la maggior parte delle volte non percepisco denaro nello svolgere corsi, richiedo
però il rimborso spese del viaggio, e un luogo dove potere pernottare se gli eventi si svolgono lontano oppure
di sera e ho troppa strada poi per tornare a casa, tutto questo ha un costo.

Inizialmente si ripercuoteva sulla mia famiglia ma dopo poco ovviamente la cosa non poteva essere sostenuta,
lo stipendio di mio marito non bastava e sopratutto mancavo di rispetto alla mia famiglia, per i miei ideali la
mia famiglia non doveva soffrire, già comunque il mio tempo quando faccio corsi e presentazioni è donato
gratuitamente ma è sottratto alla mia famiglia se poi dovevo far fare ore di lavoro in più  a mio marito allora
questa cosa proprio non poteva funzionare, inoltre mi accorsi che cosi facendo si attiravano persona vampire
di energia, che tutto pretendevano senza una minima riflessione ….

Cosi proprio non poteva andare ed ho messo un freno in breve tempo!

Ho provato mille alchimie, interagire con decine e decine di persone sempre diverse non è cosa facile e
perlopiù su 10 persone 8 pretendono, se doni 6 ore pretendono 10 se doni 10 pretendono 20, se metti
un’informazione in rete, pretendono che vai a casa loro a spiegare l’informazione …Insomma le conclusioni
non erano brillanti, tutto questo perché anche io dovevo maturare dentro di me l’assertività!! L’assertività…
quella cosa difficile da imparare ma che ti permette di scegliere quando donare e quando no!!

Tornando al gratis… Qualcuno paga sempre, che lo si voglia ammettere oppure no!

Inizialmente quando il mio B&B  non era ancora nato, ma le stanze già ristrutturate, feci corsi a offerta libera
giusto per ripagarmi almeno materiali e riscaldamento …beh …..ero una formichina che raccoglieva briciole
e purtroppo dovetti ben presto rinunciare anche a questa alternativa visto che non rientravo nemmeno delle
spese, e vi garantisco che i corsi erano molto frequentati! Questo per fare comprendere quanto le persone abbiano
perso il senso del dono …In teoria il dono è quella cosa che doni senza volere nulla in cambio….Belle parole,
ma con i fatti poi qualcuno comunque paga sempre, che lo si voglia ammettere oppure no.. 

In questi casi gioca un ruolo importante l’empatia, l’intelligenza delle persone, in questi anni ho vissuto
meravigliose esperienze che mi hanno permesso di essere ancora più selettiva nel scegliermi le situazioni
e le persone con cui interagire, una telefonata poche frasi mi bastano per comprendere se è il caso di procedere
oppure lasciare perdere.

Tutto questo scritto non vuole risultare polemica anzi, vorrebbe fornire una riflessione per chi come me fino a
qualche anno fà non si poneva queste domande e che sulla sua pelle ha compreso quanto l’ignoranza
( non conoscenza) porti a giudizi affrettati e privi di ogni senso pratico…

Quindi amiche e amici doniamo, accettiamo doni ma sempre con rispetto, e con GRATITUDINE!

GRAZIE A TUTTE LE PERSONE CHE FINO AD ORA IN QUALSIASI MODO MI HANNO DATO FIDUCIA,
INVITANDOMI, OSPITANDOMI, DONANDOMI IL LORO TEMPO, OFFRENDOMI I LORO PRODOTTI,
OFFRENDOMI LA LORO ESPERIENZA, CONDIVIDENDO CON ME SPAZI, LUOGHI AMICI ED ENERGIA..

GRAZIE DI CUORE !

ATTITUDINE PER TRIONFARE
Ho divorato questo libro, in due giorni, più leggevo e più volevo leggere. Attitudine per trionfare è un
vero e proprio manuale per lo spirito e per l’anima, porta a riflessioni profonde e credo non basti una sola
lettura per comprendere ogni singola pagina, penso che un 
libro come questo vada letto almeno due volte l’anno perché ogni volta comprendiamo qualcosa che la volta prima non abbiamo assimilato.

Felici coloro che hanno sogni e che sono disposti a pagare il prezzo per imparare a trasformarli in realtà.  
Eric da la Parra

 

Tra le persone c’è solo una piccola differenza ma è questa differenza che fà olà differenza.
Questa piccola differenza è l’attitudine. Ma fà una grande differenza avere un’attitudine
positiva o un’attitudine negativa.   Clement Stone

 Non ti sei mai chiesto perché alcune persone ottengono sempre ciò che desiderano?

Sicuramente perché hanno compreso che la vita … è solo un’attitudine!

Impara a nutrire attitudini positive e vincenti nei confronti della realtà e riuscirai finalmente a trionfare.

Scopri le gocce di saggezza contenute in questo libro: pensieri, metafore, storie e racconti capaci di
donare momenti di riflessione, gratitudine, spiritualità e positività.

Stimoli di forte impatto e suggestione per cambiare non solo l’attitudine di un momento, ma quella
di una vita intera.

La collana
Tre preziosi volumi per scoprire, attraverso i consigli e i suggerimenti di due grandi maestri, come
sviluppare tre fondamentali qualità della vita: Grandezza, Potere e Trionfo.

Noi siamo gli architetti della nostra esistenza:
trasformiamola in un’opera d’arte!

 D’inverno, quando non c’è il sole a nutrirli, gli alberi affondano le radici in basso, in cerca dei doni nascosti della terra.
Non crescono all’esterno, sui loro rami nudi non spuntano foglie né fiori. Crescono dentro, senza che nessuno veda, e nel silenzio e nella solitudine si prendono cura di sé e si preparano al prossimo rigoglio…….

 Punta verso la luna. Anche se fallisci, il tuo tiro arriverà alle stelle.  Les Brawn

 Se vuoi che regni la pace nel mondo, devi creare la pace in casa tua, se vuoi la pace in casa tua, devi crearla nel tuo cuore.   Proverbio cinese

COME FARE IL LATTE DI AVENA

Più facile da farsi che a dirsi…

Risparmio economico, l’acquisto di materie prime
comporta un risparmio notevole di denaro e sappiamo bene
che
ogni soldo guadagnato è un soldo risparmiato.

Impatto ambientale ridotto, non comporta imballaggio, trasporto
e tutto quello che ne consegue …

Buono, sopratutto non ha il solo sapore di zucchero come spesso

troviamo nei latti confezionati, perché parliamoci chiaro ….

fondamentalmente questi ” latti ” sono acqua sporca ….

Quindi non hanno un sapore meraviglioso se non
"farciti” con qualche altro ingrediente, e nella grande
distribuzione
l’ingrediente meno costoso e anche meno salutare è lo zucchero
bianco.
In questo caso utilizzo lo zucchero mascobado, in
fondo troverete
le fotografie e dove ho acquistato gli ingredienti, potrete
però utilizzare, malto di riso, di orzo, oppure succo d’agave,
oppure evitare semplicemente di dolcificare il 
latte di avena.

Veloce, con il chufamix http://www.naturalmentestefy.it/2014/08/29/chufamix-ma-che-e-una-parolaccia/

Versatile … Si può utilizzare in sostituzione al classico latte vaccino, lo si può utilizzare per torte, budini http://www.naturalmentestefy.it/2016/02/09/latte-di-nocciole/ , come bevanda fredda in estate.

Gli ingredienti  sono pochi e reperibili :

·        gr 50 fiocchi di avena

·        gr 5 zucchero di canna integrale mascobado

·        lt 1 acqua

·        pizzico di cannella

Unire tutti gli ingredienti ( nel piatto) all’interno del
chufamix e con il frullatore ad immersione frullare 30 secondi …

Nella bottiglia il latte, nella ciotola l’okara, quello che
resta degli ingredienti solidi, con questa potremo
aggiungerla agli impasti di torte e biscotti, quindi nulla viene buttato!


BUDINO AL CIOCCOLATO VEGAN a basso costo

Come ottenere un budino al cioccolato in pochissimo
tempo, a basso costo e senza derivati animali?

Più semplice di quanto si pensi! Avete presente
quando i bambini urlano che hanno fame e vogliono
immediatamente qualcosa che li calmi, buono veloce,
ma sopratutto sano? Questa è la risposta, a dire il vero
la miglior cosa in assoluto sarebbe frutta di stagione
biologica, ma noi mamme in decrescita sappiamo bene
che i bambini spesso voglio ” schifezze” , a noi l’onore
di tramutare in "schifezze” qualcosa di sano e che cerchi
di armonizzare ogni singolo aspetto ed ogni singolo individuo.
Fare la mamma resiliente, decrescente, risparmio, autoproduttrice,
lavoratrice ( si perché lavorare da casa non vuol solo dire
essere cenerentola, vuol dire lavorare a progetti importanti
quando tutta la famiglia è sistemata, la casa è sistemata e
nel mezzo di stà pure un lavoro o tanti ! ) non è per nulla facile.
Un single, una coppia, non immagina nemmeno lontanamente
cosa significhi cercare di equilibrare ogni singola persona
in una famiglia di cinque elementi, con idee diametralmente
opposte, con bimbe ribelli, con un adolescente in crescita e
con un marito che ti considera spesso talebana…Armonizzando
il tutto è tremendamente difficile e spesso ci sono dei grandi
compromessi da fare  per cercare di rendere tutto ciò divertente
piacevole e senza fare pesare nulla sui minori, i quali hanno
tutti i diritti di vivere una vita sana che sia decrescente o altro.

Tutto questo discorso, ma ci sarebbe da parlare per ore
ed ore sull’aspetto figli e percorsi resilienti per introdurre
un budino al cioccolato velocissimo da realizzare e che zittirà
tutti in famiglia!

 

Questo Budino è un’ottima farcita per la torta margherita  
basterà fare raffreddare la torta e tagliarla a metà,
all’interno spalmare questa crema al cioccolato.

INGREDIENTI

·        mezzo litro di acqua in alternativa mezzo litro di latte
vegetale a vostro gusto

·        4 cucchiai di cacao amaro

·        4 cucchiai di zucchero di canna integrale, io utilizzo il mascobado

·        2 cucchiai di fecola di patate oppure amido di mais

PROCEDIMENTO

1.versare gli ingredienti solidi nella pentola e piano
piano aggiungere l’acqua od il latte mescolando

2.mettere sul fuoco portare ad ebollizione sempre
mescolando e cuocere 3 minuti

Il gioco è fatto

SHAMPOO, LOZIONI E TINTE FAI DA TE

 

Una guida pratica imperdibile per chi ama associare
bellezza, salute e creatività.

In modo semplice questo manuale insegna a produrre
tinte di tutti i colori a base di pigmenti naturali, lozioni
contro la caduta e la forfora, shampoo e, per i genitori,
prodotti per la prevenzione dei pidocchi.

Tra gli ingredienti troverete piante (rosmarino, ortica, aloe),
camomilla, argilla, spezie, avena, avocado, banana, e molto altro….

Il libro fornisce anche indicazioni precise su dosi, tempi
di preparazione, frequenza di utilizzo e conservazione,
tenendo conto delle diverse tipologie di capelli.

Pagina dopo pagina scoprirete 80 ricette 100% naturali, che vi accompagneranno dal lavaggio ai diversi trattamenti per
la salute e la bellezza (lozioni, frizioni, maschere), fino alle
tinture.
Gli ingredienti sono per la gran parte di uso comune, come
aceto, yogurt, miele, uovo, tutti dalle sorprendenti qualità
per la cura della capigliatura. Presenti anche numerose
piante dalle proprietà detergenti (edera, saponaria ecc.),
curative (salvia, rosmarino, zenzero) e abbellenti (aloe, avocado ecc.).

La parte finale è dedicata alle tinte vegetali, con oltre 40
miscele tintorie (con amia, camomilla, hennè, indaco ecc.)
pensate per i capelli di tutti i colori e sfumature.
Potrete personalizzare le formule in base alle vostre esigenze
e ottenere una vasta gamma di riflessi e tonalità senza
logorare la salute dei capelli.

Avere cura dei capelli e, perché no, anche tingerli utilizzando
esclusivamente ingredienti naturali è facile, divertente e
poco costoso.
Questo libro è una guida pratica per chi vuole proteggere
e valorizzare i propri capelli senza ricorrere ai prodotti in
commercio a base di sostanze chimiche spesso dannose
tanto per il nostro corpo quanto per l’ambiente.

 

Un libro davvero utile, con ricette semplici, personalmente
ho escluso preparazioni con prodotti di origine animale quale
uova o miele, ma il manuale è ricco di spunti, idee, consigli e
ricette semplici e fattibili da tutti con ingredienti vegetali anche
a basso costo, consiglio vivamente di averlo nella propria
dispensa e …di organizzare una volta al mese con le amiche
una giornata in cui ognuna si dedica a se stessa creandosi
queste bellissime ricette!

SE VOLETE ACQUISTARLO CLICCATE QUI :

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__shampoo-lozioni-e-tinte-fai-da-te-hampikian-perrogon.php?pn=4897